infinit∞marzo

18 February 2016
di irene

Progetto di fotoscritturasociale al femminile, di Marina Gellona (scrittrice) ed Irene Mastrocicco (fotografa).

8 marzo 2013
Le guardavamo camminare per le strade, ciascuna per sé, silenziose, un rametto di mimosa in mano, come un microfono spento.
Tante stelle fulgide, enigmatiche donne che svanivano una volta girato l’angolo della via.
Anche quell’8 marzo se ne stava andando e calava il sipario su uno spettacolo che ci sembrava mancato, che ci lasciava un dispiacere, una nostalgia, la voglia di fermare la clessidra che si portava via le ore di quel giorno di festa colorato di fiori e di mistero.
Con il tempo la nostalgia si è trasformata in desiderio:
girare la clessidra, girare l’8, vedere l’infinito in un giorno.

infinit∞marzo / 8 marzo 2014
E’passato un anno e il desiderio è diventato progetto. L’idea, l’ambizione è stata quella di accendere quei microfoni spenti, di far splendere per un attimo più lungo la fulgida stella di ogni donna incontrata per strada in questo sabato di sole e fredda primavera. Abbiamo fermato 50 donne di ogni età per le vie, le piazze dei mercati e i luoghi di lavori affacciati sui vicoli del centro, a Torino e proposto loro di fare una foto e di rispondere a un paio di domande. Dare voce alle loro individualità, alla visione di sé e dell’essere donna, ai sogni e alle fatiche della loro vita e della quotidianità era il nostro desiderio. Dalla nostra passeggiata e dagli incontri entusiasti e generosi con tutte queste donne ne è emerso un quadro complesso e ricco, il ritratto molteplice di un mondo femminile in bilico tra le conquiste culturali e di consapevolezza raggiunte da certe nostre nonne e madri e quelle che oggi, noi donne, lavoratrici, artiste e mamme possiamo e dobbiamo ancora creare dentro e intorno a noi.
Buona visione e buona lettura. E grazie a tutte voi, che avete aderito con tutta la vostra bellezza sfaccettata a questo progetto.

infinit∞marzo / 8 marzo 2015
E’di nuovo marzo e i mercati si colorano di piccoli pois gialli e vaporosi a illuminare i volti e le storie delle donne che camminano per le vie del centro della nostra città, Torino. Le andiamo a cercare tra Palazzo Reale e il Castello, davanti al Teatro Carignano, in via Roma, in piazza San Carlo. Ci vengono incontro e si fermano, ci regalano cinque minuti del loro tempo, per una foto e due domande: hanno un’espressione sorridente o seria, profonda o spensierata, pronte a scambiare con noi l’esperienza complessa e splendida dell’essere donna, ragazza o anziana, felice o triste in questo momento, adesso, qui.
Ci raccontano delle nascite, degli amori, della morte, ci raccontano di quella volta in cui hanno fatto una pazzia, di quando ce l’hanno fatta, di quando hanno avuto paura, ci parlano della libertà, della gioia, delle lotte, delle città in cui sognano di vivere, in cui si sono trasferite, in cui amano andarsi a cercare un posticino per sé.
Sorridono, sospirano, ridono, pensano, ricordano, immaginano, credono. Sono figlie, madri, sorelle, amiche, compagne, lavoratrici, artiste, viaggiatrici.
Hanno vissuto la solidarietà con altre donne, l’importanza della solitudine, il piacere di una vittoria, la bellezza di un amore, l’incanto di mille doni.
Sono bellissime. Ciascuna in modo differente. E consapevoli. O alla continua ricerca di un perché, di un dove, di un quando. Alla ricerca di sé.
Sono così lucenti che, alla fine della giornata, con un rametto di fiori in mano, ti chiedi se siano le mimose a illuminare le donne o le donne a rendere così splendidi questi fiori gialli con il continuo, costante e fantasioso slancio di inventarsi, in un dialogo costante tra loro, con gli uomini, con il passato e con il futuro, ma mai come ora presenti, davvero presenti a se stesse. Eccole qui. Buon infinit∞marzo a tutte voi, e grazie ancora una volta per aver scambiato e intrecciato al tessuto della città la meraviglia del vostro essere.

infinit∞marzo / 8 marzo 2016
Fa sempre freddo. Quando scendiamo per le strade, ogni anno, a marzo, l’aria gela le dita e le orecchie, il foulard rosso è troppo leggero, nonostante il sole splenda.
Ma poi accade il primo incontro, la prima donna che accoglie con curiosità e interesse la proposta di partecipare alla raccolta di voci femminili per questo progetto, e il cuore si scalda, le mani si stringono, i sorrisi creano complicità e le parole sono finestre su mondi interiori sui sogni, sui traguardi raggiunti, sulle paure superate.
Quest’anno il nostro giro per le strade di Torino ha raccolto molte giovani voci, davanti alla Facoltà di Lettere dell’Università della città, nel cortile e nei corridoi della Scuola Holden, l’unica scuola di storytelling and performing arts italiana, poi nelle vie del centro, in alcuni negozi e atelier.
E la sensazione, nel rileggere le oltre cinquanta interviste raccolte anche quest’anno, è questa: le donne apprendono. Le donne imparano. Sbagliando, sognando, vivendo. A qualunque età, in molti modi, il tesoro di conoscenza e di esperienza di ogni giorno è ricchissimo e diventa desiderio, futuro, consapevolezza, crescita profonda. Scelgono che cosa studiare, scelgono in che cosa impegnarsi, scelgono quali saperi e quali abilità sviluppare, quali arti e dove farlo, in quale città, Roma, Napoli, Rotterdam, Torino. Poi, dolcemente, creativamente, fortemente, reinventano questa esperienza in creatività, scrittura, arte, famiglia, viaggi, legami, lavori. E, spesso, in tutti questi ambiti allo stesso tempo.
Una bellezza, insomma, che illumina i loro volti, che dà spessore allo sguardo e a chi legge e osserva, regala ispirazioni, riflessioni e tantissima energia positiva.

infinit∞marzo / 8 marzo 2017
Ogni anno, e questo 2017 non fa eccezione, poniamo due domande alle donne che incontriamo per strada. La prima è uguale per tutte: quale parola associ al tuo “essere donna”? La seconda, invece, varia: c’è stato un viaggio che ti ha cambiata profondamente? Per che cosa hai lottato? Ci racconti un ricordo triste e uno felice di quando eri bambina? E così via. Ecco, quest’anno una delle nostre domande preferite è stata: ti sei mai ribellata nella vita? E in effetti, nelle donne, questa traccia ha suscitato risposte veementi, orgogliose, con l’ombra di fatica nello sguardo, ma anche scintille di bellezza negli occhi. In confronto le mimose erano pallidi soli. Andate a scoprire le risposte, molte di loro hanno a che vedere con il tipo di “femmina” che le madri, i padri, i compagni o i datori di lavoro vorrebbero accanto.
Ma ora sentite questa: una volta un bambino simpatico e intelligente ci chiese: “ehi, ribellarsi vuol dire diventare più belli?”. Noi gli abbiamo risposto di sì, e anche le donne in piazza erano magnifiche, quando parlavano delle loro ribellioni. Speriamo che questo bambino conservi questa idea, diventando un uomo.
A proposito di uomini, la piccola germogliante novità del progetto di quest’anno, il quarto meraviglioso anno, è l’apertura del microfono giallo (la mimosa che ciascuno tiene vicino nelle nostre foto) agli uomini. Volevamo sentire la loro voce, alla luce delle stesse domande rivolte alle donne: di chi hai nostalgia, che cos’è per te essere uomo, che cosa ci tieni a insegnare ai tuoi figli? Li trovate, qui e là, nel mosaico di voci.
Infine, accanto alla “ribellezza”, l’altra parola che ci sta a cuore quest’anno è movimento. Movimento è spostare qualcosa da un luogo all’altro. Spostare qualcosa o se stessi. E allora ecco Jola che ha lottato per venire a studiare in Italia dall’Albania, ecco Donatella che ha lottato per far uscire la malattia dal suo corpo (e suo marito da casa), ecco la piccola Morena che vorrebbe andare da casa a scuola con il cavallo. Non abbiamo voluto che si mettessero troppo in posa, non volevamo fermarle, le abbiamo colte e lasciate in movimento, a fuoco, ma in movimento, in tutti i sensi: molte di loro stavano per partire per una corsa o camminata a piedi a favore della ricerca e contro la violenza e in movimento perché sono un movimento, tutte insieme e con gli uomini, un movimento di persone, una società in viaggio, oltre le frontiere mentali e fisiche, spaziali e culturali che ancora impediscono alle donne e agli uomini di vivere la propria libertà, bellezza, ribellezza indipendenti e tutti insieme.
Buona visione.

infinit∞marzo / 8 marzo 2014

4647 4544 4342 4140 2928 3839 3031 3233 3435 3637 2513 1626 919 1020 2217 712 18 1121 2314 415 56 32 27

infinit∞marzo / 8 marzo 2015

marinairene ileaclaudia evamartina e anna isagiacinta lisiealla francescaannie annaalice linditacarlotta sabrina2martina sarasabrina paolamaria2 natasciamaria rosaria mariastella sabinasvetlana simonasara2 moniawilma e malva victoriasonia miriammarialessandra elisabettaida giovannagaudi anoelleantonia monicaserena susannaroberta graziellagiulietta lauralea alessandraclaudia arianna

infinit∞marzo / 8 marzo 2016

29a30a 01a16a 12a13a 04a31a 44a24a 38a19a 46a32a 49a08a 20a34a 15a06a 36a26a 14a41a 47a45a 17a27a 42a50a 23a43a 07a10a 11a02a 21a25a 22a05a 37a39a 48 a33a 09a35a 40a28a 03a18a

infinit∞marzo / 8 marzo 2017

50a49a 40a44a 30a38a 37a46a 32a25a 23a22a 17a18a 20a27a 16a10a 12a14a 19a24a 15a21a 09a04a 05a07a 13a03a 06a09b 11a26a 28a33a 29a34a 31a39a 35a36a 42a45a 48a41a 47a01a 02a1a 2a3a 4a5a 6a7a 8aAlessio AndreaFabrizio Stefano

BIOGRAFIA

Sono una FOTOGRAFA esperta in utilizzo della Fotografia a scopo terapeutico ed Autoritratto terapeutico.
Nata nel 1984 in una famiglia in cui la passione per le Arti e la curiosità del Conoscere sono sempre state un elemento fondamentale.
Mi sono diplomata presso il “Primo Liceo Artistico” di Torino
e successivamente ho conseguito il Diploma di Laurea in Fotografia presso lo IED (Istituto Europeo di Design).
Della Fotografia mi hanno sempre affascinato due aspetti: uno più legato alla ricerca estetica dell’immagine
e l’altro connesso alla ricerca interiore tramite l’uso del mezzo fotografico in modo terapeutico.
Per questo motivo ho conseguito la specializzazione in Fotografia di Moda e di Fotoritocco Digitale presso la
John Kaverdash (Accademia di Fotografia) di Milano.
Ho frequentato numerosi workshop di fotografia di moda con il fotografo Franco Ferraris
e lavorato come assistente per numerosi fotografi.
Parallelamente ho intrapreso un percorso di ricerca personale di psicoterapia individuale e di gruppo
presso il centro Gestalt di Torino.
Professionalmente inizio lo studio dell’utilizzo clinico del ritratto ed autoritratto fotografico frequentando il corso di Autoritratto “L’immagine di sè” tenutosi da Silvia Reichendbach.
Attualmente sono in formazione per diventare facilitatrice  del metodo: “The self-portrait Experience” tenuto da Cristina Nunez, per approfondire gli aspetti dell’autoritratto nella relazione d’aiuto e con se stessi.
Ho partecipato al workshop intensivo di formazione in “Fototerapia e Fotografia terapeutica” tenuto da Netfo
(network italiano, fototerapia, fotografia terapeutica, fotografia sociale).
Ho partecipato al workshop di formazione in “Photolangage – Fotografia come oggetto di mediazione nel gruppo”.
Oltre a lavori di ricerca personale porto avanti numerosi lavori con singoli e con gruppi utilizzando
la fotografia come mezzo terapeutico e di conoscenza profonda di sé.
Collaboro con Psicologhe e Psicoterapeute portando avanti numerosi progetti, lavorando sia con adulti (in gruppo o individualmente) e sia nelle scuole (primarie e secondarie) attraverso laboratori esperienziali, trattando temi specifici, utilizzando sempre la fotografia come mezzo terapeutico.
Collaboro con scrittrici portando avanti progetti di foto-scrittura sociale.
Inoltre collaboro con danzatrici e danzaterapeute, portando avanti laboratori ed incontri in cui la fotografia terapeutica e la DMT si incontrano per lavorare attivamente sulla tematica del corpo e del movimento.
Porto avanti numerosi progetti personali di fotografia terapeutica sulla genitorialità, sul femminile, sulle relazioni familiari, sulla propria percezione corporea, sulle relazioni tra adolescenti legate al fenomeno del bullismo e all’importanza del dar voce alle proprie emozioni.
Sono tra i soci fondatori dell’Associazione di Promozione Sociale “La Tenda della Luna-Contro l’agire violento”, che si occupa di prevenzione, violenza intrafamiliare e violenza di genere.

CHIUDI